25 Aprile 2015

25 aprile 2015
By
25 Aprile 2015

Lapide ad ignominia Lo avrai camerata Kesselring il monumento che pretendi da noi italiani ma con che pietra si costruirà a deciderlo tocca a noi. Non coi sassi affumicati dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio non colla terra dei cimiteri dove i nostri compagni giovinetti riposano in serenità non colla neve inviolata delle montagne che per due inverni ti sfidarono non colla primavera di queste valli che ti videro fuggire. Ma soltanto col silenzio dei torturati Più duro d'ogni macigno soltanto con la roccia di questo patto giurato fra uomini liberi che volontari si adunarono per dignità e non per odio decisi a riscattare la vergogna e il terrore del mondo. Su queste strade se vorrai tornare ai nostri posti ci ritroverai morti e vivi collo stesso impegno popolo serrato intorno al monumento che si chiama ora e sempre RESISTENZA   Piero Calamandrei Articoli Collegati: Il 25 aprile del 1945 l’Italia si è liberata dal fascismo, il Sindaco di Alessandria ancora NO. L'Anpi di Alessandria voleva invitare Sergio Cofferati alle celebrazioni per...
Read more »

Il 25 aprile del 1945 l’Italia si è liberata dal fascismo, il Sindaco di Alessandria ancora NO.

24 aprile 2015
By
Il 25 aprile del 1945 l’Italia si è liberata dal fascismo, il Sindaco di Alessandria ancora NO.

L'Anpi di Alessandria voleva invitare Sergio Cofferati alle celebrazioni per il 25 aprile ma il Sindaco ha detto di no perché considera la presenza di Cofferati "una provocazione inaccettabile" in quanto "Cofferati ha sbagliato a denunciare brogli e a far scattare le denunce" (alle primarie in Liguria). Se il problema è chi denuncia i brogli se ne deduce che i brogli non sono un problema per il sindaco di Alessandria. È questo il modo con il quale pensa di amministrare la città? Provare ad usare l'anniversario della liberazione come vetrina per sfilate renziane e/o di qualsiasi altro "culto",  significa oltraggiarne il senso e  tradirne i valori. Significa raggiungere vergognose vette di ottusità  Significa anche confessare di non essere all'altezza di quella storia. Del resto i fatti ogni giorno ci dicono che tra gli integralisti renziani i più devoti sono le ancelle; per loro la storia inizia e finisce con Renzi. A dispetto di ogni dato empirico, logico o geografico che sia. E se il capo (quello di turno, è chiaro) dovesse dire che la terra è quadrata, sarebbero capaci di mandare al rogo la fisica, la matematica, l'astronomia e millenni di scienza, storia e filosofia. Perché se aver detto...
Read more »

Italia: La PenISOLA del TESORETTO

14 aprile 2015
By
Italia: La PenISOLA del TESORETTO

Il Governo ha trovato un tesoretto di 1,6 miliardi! Il ritrovamento è stato annunciato con molta enfasi, quasi come se fossimo in campagna elettorale per le elezioni regionali. La sensazionale scoperta sembrerebbe accidentale: il tesoretto era in un cassetto segreto del Ministero dell'economia, nascosto  nientepopodimenoche sotto la sedia di Quintino Sella. Per anni nessuno aveva immaginato che sotto la famosa sedia potesse esserci qualcosa,  ma Renzi, assai più furbo dei predecessori, è andato a vedere proprio lì, dove nessuno aveva mai osato cercare. Nonostante le abili mosse del premier due pennuti sinistri si aggirano per le stanze del Ministero delle Finanze: il Gufo REALE con la signora Gufa REALE, dai comuni mortali meglio conosciuta con il nome di Gufa REALTÀ. A Gufa Realtà la storia del tesoretto è nota: trattasi – dice con il piglio di chi la sa lunga – di un essere mitologico che nasce durante le campagne elettorali e muore ai primi exit poll. Ragionate, dice Gufa Realtà: se uno trova 1,6 miliardi mentre ne sta cercando 16 per pagare le bollette scadute è evidente che sta raccontando la leggenda che noi gufi reali conosciamo bene. Basta leggere il def e si capisce che i tagli...
Read more »

Bullismo e dintorni

9 aprile 2015
By
Bullismo e dintorni

La gita a Roma di una classe di liceali è finita in cronaca due volte: la prima per un orribile episodio di bullismo; la seconda perché i genitori hanno difeso i bulli protestando contro i provvedimenti scolastici. Il fatto che i genitori abbiano difeso gli errori (e gli orrori) dei figli ha creato stupore e dibattito sui media. Mentre leggevo però qualcosa non tornava. Perché se un tempo era impensabile che una famiglia si scagliasse contro la scuola, oggi è  frequente la reazione contro maestri, professori e istituzioni in genere. È un comportamento che ha pervaso la nostra società eppure stupisce solo quando è agito da privati cittadini mentre è accettato come normale,  e persino ammirato,  quando sono i politici e le istituzioni a praticarlo. Ecco cosa non mi tornava, lo stupore intermittente. I venti anni di berlusconismo hanno compiuto un capovolgimento dei valori, ed il linguaggio politico istituzionale lentamente è degenerato verso la cifra stilistica del bullismo. Lo stesso Partito Democratico, che con le larghe intese ha confessato di essere un'opposizione di facciata, è stato colonizzato dal berlusconismo. Colonizzato al punto che  oggi si moltiplicano, nelle primarie Pd, sia casi di candidature provenienti da Forza Italia, Ncd, Udc...
Read more »

I Libri del mese: “L’amore pregiudicato” di D. Ceirani e P. Rocchetti

31 marzo 2015
By
I Libri del mese: “L’amore pregiudicato” di D. Ceirani e P. Rocchetti

Donne e omosessuali sotto il fascismo. Un libro che vuole assomigliare poco ad un libro, che ne conserva la materialità cartacea, ma che s’ispira alla duttilità ed alla “intervisibilità” propria dei materiali pubblicati sul web, a quei link che creano rete tra le informazioni. Due appassionati di storia che conducono attività professionali ben lontane dalla ricerca storica tout court ma che da questa passione hanno deciso di produrre uno strumento agile e intenso insieme per la divulgazione, ma, soprattutto per l’attività didattica nella scuola secondaria di primo e secondo grado. Due generi della scrittura, la saggistica divulgativa ed il romanzo storico, affiancati, messi in relazione, “sincronizzati”, per usare la terminologia della gioventù a cui si rivolge il testo. Forse i puristi dei due generi potrebbero storcere il naso, specialmente quelli dediti e/o interessati al romanzo storico, che qui assume la parte della narrazione didattica propria della metodologia dello storytelling, ma la procedura adottata ricorda molto la composizione di uno di quegli story-board degli sceneggiati televisivi che hanno tanto educato, nel bene e nel male, la cultura nazionale dagli anni sessanta e che spesso avevano proprio un forte impianto informativo – educativo su cui era costruita la storia delle persone...
Read more »

Auguri Pietro Ingrao, 100 anni!

30 marzo 2015
By
Auguri Pietro Ingrao, 100 anni!

La Redazione Lavoro Ergo Sum nell' Augurare un Buon Compleanno a Pietro Ingrao, pubblica quello che ancora oggi risulta essere attualissimo: il Discorso pronunciato alle Acciaierie di Terni il 10 febbraio del 1978 da Presidente della Camera dei Deputati in occasione dei trent' anni dell'entrata in vigore della Costituzione e ora pubblicato in "La Tipo e la notte. Scritti sul lavoro (1978 1996)”, a cura di Francesco Marchianò, prefazione di Stefano Rodotà, Ediesse, Roma, 2013.   Sono lieto di portare qui, alla classe operaia della Terni, a voi che siete qui presenti, alle vostre famiglie, alla grande tradizione di lavoro, di capacità tecnica, di lotta e di dignità umana che si è espressa nel corso di tanti decenni,qui in questa fabbrica, in questa città, il saluto della Camera dei Deputati che vengo a rappresentare tra di voi. (…) Io qui parlo a gente non lontana dalla carta costituzionale, non estranea, ma parlo a gente che sta alla radice delle norme solenni scritte in quella carta; parlo a “fondatori”, a “costituenti”, se è vero che la classe operaia di Terni e più in generale la classe operaia italiana è stata una delle forze decisive che ha scritto quelle parole con le lotte, con...
Read more »

In ricordo di Bortolo Donzelli ad un anno dalla scomparsa

27 marzo 2015
By

Ricordiamo con affetto ad un anno dalla scomparsa Bortolo Donzelli, Rsu della Fiom-Cgil in ABB. Un abbraccio alla sua Famiglia. La Redazione di Lavoro Ergo Sum   Articoli Collegati: La Redazione di Lavoro Ergo Sum si unisce al dolore per la scomparsa di Ugo Sacerdote La Redazione di Lavoro Ergo Sum si unisce al dolore... Agile ex Eutelia: «Ancora lontani dalla conclusione della vertenza» Le istituzioni rispettino gli accordi sottoscritti. Urgente la convocazione del... La scomparsa delle bandiere Da diverso tempo assistiamo ad una forte insofferenza dei cittadini... TRATTATIVA: DALLA PARTE DELLA VERITA’   Sottotitolo "IPO-DEMOCRAZIA"   Da settimane assistiamo con sconcerto ad...
Read more »

Selex Sema. Potetti: «I comandanti si salvano, i lavoratori attendono. Uno spettacolo indecente sul quale il Governo deve intervenire»

5 marzo 2015
By
Selex Sema. Potetti: «I comandanti si salvano, i lavoratori attendono. Uno spettacolo indecente sul quale il Governo deve intervenire»

Fabrizio Potetti, coordinatore Fiom-Cgil del gruppo Selex Sema, ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.   Da mesi le lavoratrici e i lavoratori della società Selex Sema, del gruppo Finmeccanica, assistono alla discussione in atto tra il Governo e la stessa Finmeccanica, sulle attività legate al «Sistri», il sistema di tracciabilità dei rifiuti. Ogni giorno che passa, tra una dichiarazione di un ministro, di un esponente del Governo e una di Finmeccanica, la confusione e l'incertezza aumentano. Mentre prosegue questo modo indecente di confrontarsi tra le istituzioni e un'azienda a capitale pubblico, si susseguono voci su possibili decisioni sulla società. Per quanto ci riguarda come Fiom-Cgil riteniamo che tutto il personale debba trovare una soluzione occupazionale e professionale all'interno del gruppo Finmeccanica. Professionalità e saperi che potranno essere utilizzati ancora sul «Sistri», nel caso in cui la querelle venga ricomposta, o su tutte le altre attività del Gruppo, qualora il programma venga interrotto. In attesa che si capisca se il paese vuole dotarsi o meno di un sistema moderno e civile per tracciare i rifiuti – dando un colpo durissimo a tutto il sistema criminale e di corruzione che c'è dietro – quello che non può essere accettato è che,...
Read more »

I Libri del mese: “Omaggio alla Catalogna” di G. Orwell e “La Parola Contraria” di E. De Luca

2 marzo 2015
By
I Libri del mese: “Omaggio alla Catalogna” di G. Orwell  e  “La Parola Contraria” di E. De Luca

Da George Orwell a Erri De Luca “Se non farete così  e colà, perderemo la guerra” , in nome di un obiettivo comune, ovvero la sconfitta del fascismo, la “Rivoluzione Spagnola” , venne spenta non da Franco, non dal fascismo stesso, bensì dal partito comunista! Anche quest’opera di Orwell, così come “1984” è di stretta attualità e potrebbe tranquillamente raccontare le cronache dei giorni nostri, da quelle italiane a quelle greche. In questi ultimi anni, abbiamo assistito a partiti di “sinistra” o con un passato che potrebbe ricondurli al partito comunista, applicare nel nome della “guerra allo spread” o “guerra alla crisi”, politiche di destra, capaci di “disarmare” dei propri diritti lavoratrici e lavoratori, proprio come il partito comunista degli anni ’30 in Spagna, disarmò non solo delle armi, ma anche dei sogni di giustizia e rivoluzione gli operai, che combattevano non solo contro il fascismo ma anche per il principio di uguaglianza tra le persone. “La Parola Contraria”, esce poco prima del  28 gennaio 2015, quando a Torino si è tenuta la prima udienza del processo in cui l’autore del Libro,  Erri De Luca, è chiamato a rispondere di istigazione al sabotaggio a favore della protesta No Tav in...
Read more »

Diretta Streaming da Cervia Assemblea Nazionale Delegate e Delegati Fiom – Relazione Landini

26 febbraio 2015
By
Diretta Streaming da Cervia Assemblea Nazionale Delegate e Delegati Fiom – Relazione Landini

              Relazione di Maurizio Landini all'Assemblea nazionale Fiom – Cervia 27 febbraio 2015                         Articoli Collegati: ASSEMBLEA NAZIONALE DELLE DELEGATE E DEI DELEGATI DEL GRUPPO FINMECCANICA L'assemblea dei delegati Rsu di tutte le società del gruppo... Assemblea nazionale Fiom-Cgil. Cervia, 26 – 27 Settembre 2014 Relazione di Maurizio Landini Intervento di Susanna Camusso   Conclusioni... Congresso Fiom-Cgil in Streaming dal 10 al 12 Aprile 2014 – Maurizio Landini riconfermato Segretario Generale       Diretta Streaming da Rimini del Congresso Fiom-Cgil  dal... Assemblea Nazionale Fiom-Cgil Cervia 10-11 Gennaio 2013 Pubblicate le dichiarazioni di voto (Potetti-Marcon-Venturi) e i documenti presentati dalla...
Read more »

Renzi: “Vorrei governare passando dalle elezioni, non dagli inciuci di palazzo”

25 febbraio 2015
By
Renzi: “Vorrei governare passando dalle elezioni, non dagli inciuci di palazzo”

Articolo Tratto dal Blog Arcitaliana di Jacopo Iacoboni Lunedì sera, in una bella intervista da Lilli Gruber a Otto e mezzo, Maurizio Landini ha pronunciato una frase molto forte, che mi ha colpito, andrebbe discussa punto per punto ma intanto vi riporto testuale: "C'è un Parlamento eletto con una legge incostituzionale, un premier che non è stato eletto e che cancella lo Statuto dei lavoratori, va avanti a colpi di fiducia; per la prima volta una maggioranza in Parlamento ha deciso di difendere solo una parte, la Confindustria: è a rischio la tenuta democratica del paese".   Non so se sia a rischio la tenuta democratica del Paese; parlerei piuttosto di una democrazia poco ariosa, asfittica, esangue, conformista e titubante; ma la frase mi è tornata in mente oggi quando ho sentito Renzi, dalla Francia – dov'è andato al vertice bilaterale col presidente Hollande – rispondere così a una delle obiezioni del giorno prima di Landini: "Io non eletto? Ricordo che l'Italia è una repubblica parlamentare . È il Parlamento a dettare e ad assicurare la fiducia al governo". Una frase inoppugnabile, dal punto di vista costituzionale – e ci mancherebbe, chi può contestare la legittimità giuridica di questo governo? Sull'opportunità...
Read more »

Agile ex Eutelia. Potetti (Fiom): “Chiudere questa vicenda riconoscendo il danno subìto dai lavoratori”

25 febbraio 2015
By
Agile ex Eutelia. Potetti (Fiom): “Chiudere questa vicenda riconoscendo il danno subìto dai lavoratori”

Fabrizio Potetti, coordinatore Fiom-Cgil del gruppo Agile (ex Eutelia), ha rilasciato oggi la seguente dichiarazione.   Nel processo che si svolge al Tribunale di Arezzo contro la famiglia Landi accusata del crack Eutelia, il pubblico ministero Roberto Rossi ha chiesto la condanna per tutti gli imputati per i reati di appropriazione indebita, frode fiscale, associazione per delinquere e bancarotta fraudolenta. Secondo l’accusa l’obiettivo di questi personaggi, provato dalle relazioni della Guardia di finanza e dei commissari giudiziali, era l'espoliazione e il drenaggio doloso di denaro, con la complicitàdi fantomatiche aziende operanti in Romania, Lussemburgo e a Londra, al fine di portare allo svuotamento progressivo delle casse di Eutelia attraverso fatture false e finti investimenti esteri, per un ammontare di circa 100 milioni, operazioni poste in essere dal 2006 al 2010. Tutto questo denaro proveniente dalle casse Eutelia è transitato, e verosimilmente si trova ancora oggi, in conti esteri e svizzeri (come emerge dalla rogatoria estera effettuata). Conti intestati ai Landi o a prestanomi. Per questi reati il pm ha chiesto la condanna a 8 anni per Samuele Landi, considerato la mente e il motore di queste illecite attività, e a 4 anni e sei mesi per Angelo e Isacco Landi....
Read more »

Speciale Finmeccanica: Intervista a Fabrizio Potetti, responsabile Fiom nazionale del settore aerospazio di Finmeccanica

24 febbraio 2015
By
Speciale Finmeccanica: Intervista a Fabrizio Potetti, responsabile Fiom nazionale del settore aerospazio di Finmeccanica

Intervista a Fabrizio Potetti tratta da iMec Con i tagli non si conquista lo spazio Il piano industriale presentato dall’ingegner Moretti è sicuramente importante e – come dice lui – pure ambizioso, ma perché pensa di rilanciare il gruppo cercando le risorse necessarie esclusivamente con i tagli e il recupero di risorse all’interno dell’azienda; mentre in questi settori le grandi multinazionali per rilanciarsi e trasformarsi ricapitalizzano o si finanziano sul mercato, per esempio emettendo bond. Farlo con risorse esclusivamente interne è rischiosissimo, perché si tratta di cifre molto grosse in un settore che va dai satelliti agli elicotteri e se ti va male qualcosa – per esempio se un prodotto non funziona subito – non c’è paracadute che ti spossa salvare. E tutti i problemi ricadono dentro l’azienda». Fabrizio Potetti per la Fiom nazionale si occupa delle imprese di Finmeccanica del «settore spazio», nomi importanti e tanta qualità, da Selex ad Avio a Telespazio. Qual è la situazione e come ricade il nuovo piano industriale di Finmeccanica sulle aziende che segui? Sono aziende che si occupano prevalentemente di aerospazio ma non solo. Selex, ad esempio, 12.000 dipendenti in Italia e 16.000 nel mondo, è molto articolata, ha al suo...
Read more »

AGGIORNAMENTO IN CORSO

24 febbraio 2015
By
AGGIORNAMENTO IN CORSO

Nella giornata di Venerdì 20 Febbraio 2015, probabilmente, LavoroErgoSum è stato vittima di un attacco Hacker. Per oltre 24 ore il sito è risultato irraggiungibile. Siamo al lavoro per completare il ripristino e riaggionare le pagine.   La Redazione di Lavoro Ergo Sum No related posts.
Read more »

Speciale Finmeccanica: “Moretti Mani di Forbice” di Rosario Rappa

12 febbraio 2015
By
Speciale Finmeccanica: “Moretti Mani di Forbice” di Rosario Rappa

Articolo di Rosario Rappa tratto da iMec Come il protagonista di una vecchia canzone di Francesco Guccini, Mauro Moretti, ci ha spiegato che la «sua» Finmeccanica sarà antisociale. Ed è questa filosofia a ispirare il piano industriale appena presentato, in barba all'articolo 41 della Costituzione, che garantisce come la libera attività economica non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale. Suona parecchio stonato detto dall'amministratore delegato di un'azienda a proprietà pubblica, anche perché Moretti sbaglia se pensa che il ruolo sociale di un'azienda significhi inefficienza, disfunzioni o persino clientele, come se tutto ciò che è pubblico debba per forza essere malato. Del nuovo piano industriale di Finmeccanica possiamo condividere l'obiettivo di moralizzare il gruppo e di unire in un unico progetto le proprie risorse. Molto meno condivisibile è l'idea che le disfunzioni e gli errori del passato si possano rimediare con tagli e risparmi che non sarebbero comunque sufficienti a rilanciare il gruppo e probabilmente finirebbero per far pagare tutti i costi ai lavoratori. Il piano che ci è stato delineato si propone di ridisegnare completamente, sia dal punto di vista industriale che delle relazioni sindacali, la più importante impresa italiana ad alta tecnologia, con 36.000 dipendenti diretti cui si aggiungono altri 100.000...
Read more »

LA DISOCCUPAZIONE È UN LAVORO NON RETRIBUITO

5 febbraio 2015
By
LA DISOCCUPAZIONE È UN LAVORO NON RETRIBUITO

Riceviamo e (volentieri) pubblichiamo: Il disoccupato a differenza di quel che può sembrare… lavora. Lo fa mentre disperato si aggira tra uffici inutili ed ore passate a leggere e rileggere pagine di giornali che offrono lavori (…ma ce ne fosse uno vero!) in cui, per lavorare, devi avere un po' di capitale da investire. Il disoccupato vero, quello che, se non riporta il pane a casa sono guai seri, entra in chiesa ( pure se è ateo) e si inginocchia davanti all'altare (che non si sa mai se davvero c'è qualche Santo che lo sta a sentire!)  e, gli viene da piangere perché le ha provate tutte, pure a farsi raccomandare. In questo Paese unito dai grandi uomini della Storia, c'è chi paventa la scissione dello Stato e forse non si è accorto che c'è già una linea dritta tracciata col righello che taglia in due il Paese. È cambiata la geografia, non c'è più un Nord, un Centro e un Sud. Da una parte stanno i poveri dall'altra i ricchi. Cosa volete ancora dal disoccupato oltre che a pagare le poltrone su cui siete seduti? La dignità è la sola cosa che gli resta dopo che la speranza...
Read more »

Il Libro del Mese: “La Mano di Fatima” di Ildefonso Falcones

2 febbraio 2015
By
Il Libro del Mese: “La Mano di Fatima” di Ildefonso Falcones

Nella Spagna a cavallo tra il 1500 e il 1600 si consuma una lotta civile e “religiosa” che vede contrapposti i cristiani e i moriscos, ovvero i musulmani convertiti con la forza al cristianesimo. Tra passioni, amori, delusioni ed enormi sofferenze fisiche e morali che coinvolgono intere popolazioni, l’autore ci conduce attraverso fatti realmente accaduti e che la storia ciclicamente ci ha ripresentato, ovvero la pulizia etnica, con la volontà di far prevalere un popolo, una cultura ed una religione, in questo caso quella cristiana spagnola,  su un'altra, quella musulmana, fino ad eliminare fisicamente il “diverso”. In questa lotta di “religione” si inserisce Hernando, il frutto dell’ integralismo cristiano e della ribellione musulmana, che malvisto da tutti, prova a cucire due culture, due religioni apparentemente così distanti. A differenza di chi lo circonda, a dispetto di tutto e tutti Hernando matura la consapevolezza che sia possibile dedicare la propria vita, non alla guerra, alla divisione, bensì ad evidenziare gli aspetti comuni che cristianesimo ed islam hanno, per arrivare ad una civiltà capace di vedere convivere nelle stesse terre due popoli in apparenza così diversi. Un libro che si lega suo malgrado a fatti di estrema attualità, dal ricordo del...
Read more »

REnzi e’ la fine, non l’inizio

25 gennaio 2015
By
REnzi e’ la fine, non l’inizio

REnzi ha solo completato l'opera Renzi! E’ davvero tutta sua la responsabilità della trasformazione del Partito Democratico ? Se dopo le primarie, e su questo tema tornerò, che hanno incoronato Renzi segretario,  è cambiato il gruppo dirigente, con nuovi equilibri e nuove strategie, non è invece cambiato il gruppo parlamentare, che è o meglio dire era espressione “bersaniana”. Renzi nel giro di pochi mesi ha “conquistato” non solo l’assemblea del partito democratico, ma anche la maggioranza dei parlamentari, che uno dopo l’altro avrebbero messo da parte valori, convinzioni e contatto con gli elettori, per “disciplina di partito”. Questo stravolgimento non può essere liquidato troppo facilmente, affibbiando tutte le responsabilità sul Segretario e Presidente del Consiglio. Un tale stravolgimento è stato possibile grazie al terreno fertile di un partito che evidentemente di legami con i grandi valori della sinistra ne aveva davvero pochi. Temi  come la Solidarietà, la Questione Morale, la Giustizia e l’attenzione ai più deboli e al mondo del Lavoro, erano di una certa parte, alla quale il PD insieme ai suoi “padri fondatori”  ha provato ad ispirarsi. E’ evidente che non poteva bastare l’ingresso nel gruppo del “Partito Socialista Europeo”  per dimostrare un radicamento in certi valori...
Read more »

UA-42643939-1