Dicembre 2012

Libro del mese: “Demian” di Hermann Hesse

 
Protagonista di questo romanzo è il giovanissimo Emil Sinclair, il quale scopre l’esistenza di un mondo oscuro e violento accanto a quello chiaro e rassicurante della adorata casa paterna. Sinclair diventa vittima di Franz Kromer, un compagno di scuola più grande e prepotente che lo ricatta e allora Sinclair per paura ruba, inganna i genitori, trasgredisce tutti gli insegnamenti ricevuti e precipita nell’angoscia per essersi macchiato di colpe irreparabili. 
Il giovane è tormentato, non riesce a scegliere tra questi due mondi: la casa paterna è il luogo della pace e della sicurezza, del tepore e delle regole giuste da seguire per approdare ad un futuro luminoso; ma anche il mondo oscuro e proibito, per quanto spaventoso, esercita su di lui una fascinazione enorme. 
Sono passi perigliosi quelli per diventare grandi e ci si può smarrire, ma, arriverà un altro compagno di scuola, Demian, un tipo davvero singolare ed enigmatico, a sottrarlo alle grinfie di Kromer e ad aprire lo sguardo e i pensieri del piccolo Sinclair all’esercizio critico, guidandolo verso riflessioni inedite sulla vita e – così facendo –  indicandogli  la via per la liberazione. 
Questo bellissimo romanzo coinvolge e tocca le corde profonde dell’animo, ci dice delle traversie che ogni ragazzo incontra nel proprio cammino di crescita, dell’atavica lotta tra bene e male che ha sempre luogo dentro l’essere umano e  del ruolo cruciale dell’amicizia nella vita. 
 
 
Atina Koll
UA-42643939-1